header img

B&B roma centro-camere-hotel-monumenti-castel sant angelo

La costruzione del castello iniziò attorno al 123 d.C su iniziativa dell'Imperatore Adriano  sotto la direzione dell’architetto Demetriano, e terminò nel 138, un anno dopo la sua morte.E’ una delle più importanti testimonianze della millenaria storia di Roma. Le sue trasformazioni di uso e di stile ripercorrono le tappe più drammatiche e significative della storia di Roma. Oggi il castello è sede del museo Nazionale di Castel S. Angelo. Inizialmente doveva ospitare il mausoleo della famiglia imperiale. Difatti all'interno erano state create tre aule sovrapposte per le tombe ed una rampa elicoidale, mentre per accedervi venne costruito il 'pons aelius', l'odierno Ponte S.Angelo. La modifica successiva è opera di Aureliano, Imperatore tra il 270 e il 275, che trasformerà il castello in avamposto fortificato con la costruzione delle mura e delle torri. Il nome gli derivò dall’angelo che papa Gregorio Magno vide passando in processione durante la peste del 590. la leggenda narra che l’angelo si trovasse in cima alla mole nell’atto di rifondere la spada. Da visitare all'interno il Museo Nazionale di Castel S.Angelo, in cui sono esposte delle raccolte di ceramiche, armi antiche, arredi e dipinti rinascimentali e nel quale vengono periodicamente allestite mostre tematiche. Sono inoltre visitabili le precedenti strutture militari, gli appartamenti del Pontefice e le numerose sale ricche di decorazioni. L’ingresso moderno è sopraelevato di tre metri rispetto a quello antico. Una galleria elicoidale porta, attraverso un vestibolo, alla cella sepolcrale a pianta greca di 8 metri di lato per 12 di altezza. Le strutture interne del tamburo erano ricoperte di terra con una fitta vegetazione e l’unica fonte di luce era rappresentata da quattro pozzi. Attualmente, al centro, dove si presume ci sia stata la statua di Adriano, si trova la statua dell’angelo.